26 April 2010

L'iPad visto da me - una recensione

Ho procrastinato questa recensione troppo a lungo, quindi per recuperare sarò brevissima:

-L'iPad è un oggetto meraviglioso pieno di potenzialità al momento quasi del tutto inesplorate. Basta scaricare una copia di Time magazine per percepire la punta dell'iceberg di come l'iPad può trasformare l'abituale lettura di una rivista. Se Internet ha aperto i computer al mondo, l'iPad apre (finalmente) le riviste a Internet. Mai più indirizzi di ristoranti o alberghi presi da articoli da copiare e cercare su Google, per dirne una. Interviste che si possono leggere o ascoltare, A SCELTA, etc...

-Attualmente in USA alcuni accordi con companies di Entertainment come ABC e Netflix, o lo stesso iTunes, rendono l'iPad un oggetto che ha molto più senso di quanto ne avrà da noi. La possibilità di affittare film online e vederli sull'iPad, o addirittura vedere gratuitamente le ultime puntate dei propri telefilm preferiti grazie a una specifica applicazione sono features che danno molto senso all'iPad. Noi italiani retrogradi non so quanto dovremo aspettare per un servizio del genere. Al momento per vedere dei video sull'iPad io sono impazzita tra downloading, encoding e trasferimenti via iTunes. Il che rende il tutto molto meno facile e limita molto la fruizione del mezzo.

-E' molto più comodo di un pc da portare in giro e alla security degli aeroporti USA può rimanere in borsa. Come un iPod.

-I libri si leggono bene e le immagini si vedono perfettamente. Certo non è leggero come un libro o un e-book reader, ma ha anche i colori e permette di sottolineare i libri con 5 tipi diversi di evidenziatore. Quindi potenzialmente può essere uno strumento per trasportare pesanti libri di studio in poco spazio.

-Le foto si vedono benissimo e premendo un tastino l'iPad diventa anche una cornice digitale con slideshow delle foto caricate.

-Le App disponibili non sono moltissime ne' particolarmente sfiziose (a parte Charadium e il sopracitato Time), ma diamo tempo ai programmatori di sviluppare strumenti ad hoc.

-Leggere le riviste e i quotidiani online è veramente godibile, ha molto senso e i video (non in flash) si vedono veramente bene.

-Necessita di un computer di appoggio, possibilmente con spazio disco capiente. Ed è questa per me l'unica vera pecca. Io ho un MacBook pieno zeppo e dover importare tutto in iPhoto o iTunes prima di poterlo trasferire sull'iPad è un problema per me che non ho spazio disco libero. Se penso che dovrò svuotare il mio portatile per caricare l'iPad mi sento anche un po' scema. Sto cercando un escamotage per evitare la cosa, se sapete come fare vi prego ditemelo.

-L'iPad da 32 gb, che ho preso io, non ha un gran senso, 16 gb bastano e avanzano per tutte le capperate che volete metterci dentro, dalle foto ai film.

Che altro dire, al momento lo sto usando più per divertimento che per altro. Mio marito invece, che ha l'abitudine di leggere i quotidiani online ogni mattina, lo sfrutta molto meglio di me. In compenso però io ci ho caricato 6 libri di maglia che posso portarmi in giro per il mondo con grande piacere e sollazzo ;-)

Se avete domande vi prego non esitate queste sono solo le mie prime impressioni a caldo.

09 April 2010

I touched an iPad and I liked it


Ieri sera grazie alla magnanimità di un amico si è creato un piccolo capannello all'ora dell'aperitivo intorno alla next Big Thing Apple: l'iPad.

Come le scimmie di 2001 Odissea nello spazio abbiamo guardato il piccolo monolito, ci siamo sorpresi toccandolo, ci siamo meravigliati usandolo. Ed esattamente come le scimmie, sul punto di diventare umane, abbiamo iniziato a ragionare sull'oggetto e le sue potenzialità. E già solo per questo oggi ci sentiamo un po' più intelligenti.

C'è stato chi aveva dei dubbi e ha deciso che può vivere senza, c'è chi aspetterà il multitasking e chi invece ha capito che lo comprerà ora. Io sono tra questi ultimi. Ed ecco perché:

1) Il book reader
Da mesi avevo in mente di comprare un e-book reader, avevo puntato il Nook, ma quello che mi mancava era la possibilità di vedere le immagini dei libri. Non che io legga solo storie illustrate ma il bagaglio più pesante di libri che vorrei portarmi in giro prevede illustrazioni a colori e foto. L'iPad farà per i miei libri quello che l'iPod ha fatto per i miei cd, li sostituirà alleggerendomi e permettendomi di guadagnare spazio vitale. Per non parlare delle funzionalità ricerca nel testo e dizionario incorporato che sono certamente un plus.

2) Le riviste
Non amo le riviste cartacee, occupano spazio e invecchiano presto. Dopo che le ho lette non so dove tenerle e non riesco mai a tenere traccia degli articoli che mi piacciono. Con l'iPad potrò scegliere quali riviste leggere senza ingombro, senza carta e con delle funzionalità in più molto interessanti. Ricerca nel testo, propaggini multimediali, ipertesto, etc... Potrò anche salvare gli articoli che mi interessano e stiparli comodamente senza scatoloni che prendono polvere.

3) I video
Sebbene sia ancora scettica sulla comodità di vedere a letto un film sull'iPad piuttosto che sul mio Mac, sono peraltro certa di quanto sarà più facile, leggero e piacevole viaggiare con una scorta di film e serie tv senza dovermi portare il laptop. Essendo io un'amante dei treni questo oggettino mi risolverà anche qui un bell'ingombro, per non parlare del fatto che la batteria non mi morirà più dopo il primo lungometraggio.

Queste prime tre funzioni sono quelle che ieri mi hanno colpito di più. Ci saranno poi applicazioni fantastiche come quelle degli Store online che si stanno già muovendo su iPad (Gilt, Yoox e Gap per dirne tre), i giochini fantasmagorici, le mappe più grandi e molto altro. Ma intanto parto da qui. E poi diciamocelo, è un oggetto del desiderio.