30 April 2008

Mondo social

Vai a una festa, magari ti capita di conoscere qualcuno o ribeccare un vecchio amico/a, finisci inevitabilmente per parlare del tuo lavoro che, guarda caso si svolge online, e anche il suo (siamo a Milano dopotutto), allora parli di web e scopri che tu, come lui/lei sei iscritto a praticamente tutti i siti e quando finisci la serata ubriaco, ti riprometti di aggiungere il tuo nuovo/vecchio amico/a al tuo circolo di social network.

L'indomani vai in ufficio e, ancora con l'hangover, passi circa 4 ore ad aggiungere i tuo nuovo/vecchio amico - che cerchi sotto ogni possibile nome, cognome, nick o avatar - a tutti i social a cui sei iscritto. Ma lo sai a quanti social sei iscritto??

Inizi da Linkedin perché è professionale
Poi passi a Smallworld perché è esclusivo
Poi fai un salto su Facebook perché ce l'hanno tutti (e intanto perdi 1 ora a rispondere agli inviti di altre 20 persone che non hai mai visto, in compenso non riesci ad aggiungere il tuo amico perché Facebook si pianta, ma già che ci sei dai un morsetto col vampiro e uno col lupo mannaro, e il tempo passa)
Poi lo cerchi su GTalk
Su Twitter, lo inviti su Beemood
Poi scruti la sua libreria su Anobii
Appena andrai a casa probabilmente lo aggiungerai anche su Skype, su SecondLife e su Plaxo, che non usi, ma fa massa

Insomma alla fine della giornata tu e il tuo nuovo/vecchio amico/a sarete connessi in ogni modo possibile. Solo allora potrete continuare ad ignorarvi fino alla prossima festa, magari tra un paio d'anni.

In vino amnesia

Ieri sera, mentre tornavo a casa dalla "Festa dell'erba che cresce" della Spiff, ho pensato a un post che sul momento mi sembrava geniale, innovativo e molto divertente.

Ovviamente, il tempo di legare il motorino e fare le scale, il post era evaporato, esattamente come le 2 bottiglie di cabernet che avevo allegramente degustato durante la cena. In compenso per tutta la notte ho segnato formati fotografici e template html.

E' forse arrivato il momento di adottare una sana e forzata sobrietà?

26 April 2008

Sono una vampira (al contrario)

Di giorno sono pimpante energica e compro scarpe leopardate, ma dalle 18 in poi sto male ho la nausea, mal di testa, mal di stomaco e fame (insieme) e l'unico pensiero che mi rallegra è la possibilità di vedere nuove puntate di CSI. Checcos'ho?

Cose che mi fanno stare meglio:

sangue - no
birra - si
zucchine lesse - si
pane carasau - si

Forse sono affetta da contro-vampirismo sardo, oppure Valda (recentemente rinominata aiò!) mi ha attaccato un morbo che mi costringe al suo fianco mentre mia sorella è fuori casa (o è in coma post wii)

Peccato che questa sindrome non abbia ripercussioni sul mio incarnato, perché invece che essere abbronzata e sana come metà del cast di CSI Miami sono verde come il conte Vlad.

4x2=8

Oggi mia sorella ed io, provate dagli effetti collaterali della giornata Wii di ieri (narcolessia fulminante per lei, tremori, emicrania e nausea per me) siamo tornate agli antichi passatempi: lo shopping.

Partite in missione esplorativa verso corso di Porta Ticinese, per dare "un'occhiatina" a Mauro Leone (dove Loly ha acquisito un delizioso paio di infradito), siamo rientrate a casa con OTTO paia di scarpe in 2, quattro a testa. Beh?

La colpa non è nostra, ma degli invitatissimi saldi al 60% dell'outlet Chaussures Mon Amour... cos'altro potevamo fare?!

D'altronde alla domanda: "Ma quando ti ricapita di comprare delle scarpe di cavallino maculate con tacco 10 a soli 29 euro?" Non era facile rispondere altrimenti che: "Mi dia anche queste, grazie".

Sono certa che i nostri acquisti sono stati utili e ragionati, infatti avevamo proprio bisogno di 2 paia di scarpe chiuse scamosciate modello golf, di 2 paia identiche di scarpe di tela azzurre con tacchetto (si mi fanno male ma dice che cedono), un paio di ballerine beige (so chic!) ma, soprattutto, io da sempre sognavo di possedere di un paio di scarpe da zoccola militante maculate e PELOSE. Ora finalmente potrò uscire la sera e sembrare chic e raffinata come loro (nella foto).

Tra l'altro, al rientro dallo shopping, mentre procuravo un trauma cranico al mio cane a colpi di pallina da tennis rotante, Massarotto ci ha anche comunicato che un nostro ritratto sarà oggetto di asta di beneficenza (per dare più scarpe a tutti?). Chissà, magari per alzare le quotazioni potrei indossare il mio paio di stiletti leopardati. Ah! Che bella giornata produttiva.

25 April 2008

Benvenute nel tunnel Wii

Da stamattina ad ora mia sorella ed io ci siamo staccate dalla Wii solo 2 ore e solo perché avevo preso un appuntamento 2 settimane fa (prima di scoprire la wii fit ovviamente infatti non conto di prendere più appuntamenti nel w-end d'ora in avanti).

Nell'ordine abbiamo giocato a:

Ore 10.00 Yoga, tonificazione muscolare, jogging a due (io ho barato)
Ore 10.30 faccio una pausa doccia mentre mia sorella fa gli squat e gioca a fare la portiera (di calcio)
Ore 11.00 palline pazze, funambolo (loly sblocca 2 livelli!!!), salto con gli sci, slalom (sblocco il livello avanzato)
Ore 12.00 arriva l'Isaura e becca mia sorella in mutande sulla wii
Ore 13-14 pausa pranzo
Ore 15.00 rientriamo con Magno e scatta tour de force per sbloccare i giochini che ci sono momentaneamente preclusi. Giochiamo a TUTTO compreso 2 volte l'hoola hop, tripli salti con gli sci, yoga, equilibrio, calcio, addominali, ancora jogging. La Wii ci intima di smettere e fare una pausa, ma la ignoriamo, siamo nel tunnel, dobbiamo sbloccare nuovi giochini, propongo di PAGARE il sig Nintendo per sbloccare dei giochini. CRIBBIO dateci dei giochini!
Ore 18.00 ci arrendiamo alla dura volontà della wii di non volerci dare nuovi giochi e abbandoniamo momentaneamente la fit per un torneino di super mario kart
Ore 18.30 mentre mia sorella si ritira a guardare LOST io cerco online se c'è modo di craccare sti benedetti giochini


Previsione per la serata: mi hanno invitato a una chicchissima cena in terrazza, ma potrò resistere alla tentazione di un torneo online di super mario kart contro i miei acerrimi nemici giapponesi allenatissimi, al doppio a tennis con mia sorella e alla speranza (vana) che la wii fit ci sblocchi qualche nuovo livello????

In ogni caso, domani mattina unte di voltaren anti dolori muscolari e semi-paralizzate dall'acido lattico, ricominceremo. D'altronde ogni giorno la wii fit ci pesa e ci fa anche il culo se mangiamo una brioche invece che 2 biscottini a colazione. Come si può vivere senza?!

24 April 2008

Fit pre Wii

Nella mia folle missione per acquisire la Wii Fit, oggi ho perso una spalla e tre dita. Ecco come.

Ore 7.50 PW si sveglia in mood country road e si veste così: jeans slavato, stivaletto tacco 12, bolerino beige, giacca modello esploratore anni 40

Ore 8.40 PW agguanta la sua nuova maxi bag e esce stacchettando verso l'ufficio

Ore 10.00 Nota tomo di Jeffrey Deaver in ufficio limitrofo e lo chiede in prestito per w-end lungo in arrivo

Ore 15.00 PW realizza che dovrà portarsi a casa il voluminoso e pesante portatile aziendale

Ore 17.30 il suo direttore le molla numero 20 riviste femminili da studiare per il week end

Ore 18.00 sua sorella le fa capire che, all'alba di un giorno festivo, se vuole la Wii deve comprarla in serata

Ore 18.30 esce dall'ufficio stacchettando carica di kg 5 di riviste cartacee, borsa del computer pesantissima, maxibag naturalmente overweight appesantita ulteriormente dal romanzo spazzatura che ha scelto di leggere

Ore 19.00 rischia 3 storte nella via verso il MediaWorld in cui, con grande soddisfazione, si aggiudica una Wii Fit per l'esigente sorella

Ore 19.20 dopo interminabile fila alla cassa, carica di borsa, borsone, riviste e Wii Fit cerca la più vicina fermata dell'autobus per tornare a casa. Nel tragitto verso la meta casca un paio di volte dal tacco 12, affonda nella fanga e aspetta circa 15 mins la 77 che non passerà mai

Ore 19.45 mossa a compassione per quella santa di Valda decide di incamminarsi a piedi, si carica modello mulo e stacchettando, lentamente, si muove verso casa

Ore 20.00 mentre inizia a intravedere la via, le dita della mano destra sono diventate livide, le falangi della mano sinistra si stanno segando sotto il peso delle riviste, mentre la spalla sx si è slogata definitivamente grazie delle bisacce

Ore 20.10 a 5 metri da casa ha quasi una crisi di pianto, cerca di distribuire meglio i pesi ma la mano sinistra è ormai esangue, la destra sembra marchiata a vita dal manico della scatola della Wii Fit e la spalla è definiticavente andata. In compenso la pianta dei piedi è diventata semi sferica e la caviglia ha iniziato a pulsare

Ore 20.15 vede il portone, entra in contatto telepatico con Valda e le gatte ma sta per cedere. Si accascia. Medita di rinunciare, regalare la Wii Fit al primo barbone di turno. Per un attimo chiude gli occhi e vede scorrere davanti, nell'ordine, Rocky Balboa Vs Apollo Creed, la fine di Alive, Fantozzi contro tutti e persino Jerry Calà in "Vado a vivere da solo" (Escalibur!!), ma in un attimo trova la forza e finalmente riesce a giungere in casa dove le pelose la accolgono festanti.

Ore 20.20 butta gli stivaletti nel secchio, infila le amate crocs ed esce con Valdona. Il fit è fatto. La Wii la userà Loly!

W i ponti!

Cose che conto di fare questo fine settimana lungo:

-dormire
-dormire
-fare il pane
-comprare del cotone e iniziare una borsa a maglia che finirò probabilmente nel 2009
-comprare una serie infinita di cose per mio papà
-dormire
-rispondere a 75 mail arretrate
-chattare con tutte le persone che ho trascurato ultimamente
-inziare 2 nuove serie tv
-battere mia sorella a super mario kart (a costo di allenarmi 72 ore di fila, anche se è una mission impossibile)
-trovare un wii fit
-vedere il secondo volume extended version del Signore degli Anelli
-dormire

Oddio non è neanche iniziato il w-end e sono già stanca!

21 April 2008

Donne nel suo letto

Belle come il sole e piene come uova. Il letto è il suo, le tre Veneri marinate sono Pippa, Tati e Spiff

(Nel frattempo, qualcuno affetto da OCD ri-lavava tutti i piatti...)

Fat Feet Don't Sleep

L'altra sera mentre ero in camera a ravanare sotto al comodino ho avuto un'illuminazione mistica. Da giorni mi sentivo le gambe pesanti e i piedi doloranti. Ho anche imputato il malessere ai trampoli da ufficio, ma poi, improvvisamente, ho capito!

Tempo fa, quando ho cambiato l'organizzazione della mia stanzetta monacale, avevo deciso di dormire con la testa a Sud. Solo che, come tutti i teorici del Feng Shui sanno bene, dormire con la testa a Sud è MALE. Così dopo alcune notti di insonnia avevo girato il letto.

Nel girarlo però avevo dimenticato il mio rialzino "aiuta-la-circolazione-delle-gambe" dal lato della Testa!!! Così in questi due mesi il sangue durante il sonno mi ristagnava nei piedozzi (invece che nel cervello, come forse vi sarete accorti. Ma anche no). Ed ecco la ragione del malessere! Ieri con sforzo tipo Hulk ho rimosso la zeppa dalla testa e l'ho rimessa ai piedi e già mi sento meglio (e No, non è perché oggi sono in ballerine ;-)

20 April 2008

Due o tre cose che ho imparato sulle creme (e L'Oreal)

Sabato mattina, non so bene come, mi sono ritrovata in una stanzetta dello sfavillante palazzo L'Oreal di Milano con altre donne a disquisire di cosmetica. Ora, non ho mai pensato di essere un'esperta di creme idratanti, ma non credevo di non sapere assolutamente nulla di ciò che mi spalmo in faccia da anni. Per fortuna non ero l'unica, neanche Mafe e Auro ne sapevano nulla.

Ecco ciò che ho imparato:

-Il 40% dell'effetto di una crema è placebo (!!!)
-Le creme contengono elementi che uno dovrebbe conoscere del tipo che se ti metti una crema che ha dell'acido salicilico (ma non era nell'aspirina?) ti si illumina il viso ma in estate ti bruci. Pare che sia una cosa che sanno tutte (tranne Auro, Mafe ed io).
-C'è una differenza vera tra le creme vendute in farmacia e quelle vendute in profumeria.
-Esistono 3 tipi di rughe (ma è impossibile classificare le proprie).
-Ci sono donne che hanno un approccio tecnologico verso le creme idratanti (non io, ne' Mafe ne' Auro).
-Dal 1986 nessuna ditta ha il diritto di testare sugli animali prodotti cosmetici finiti (shampoo, creme, rossetti). I coniglietti ringraziano.
-Nel 2009 nessuna materia sarà più sperimentabile sugli animali, in previsione di questo L'Oreal ha brevettato 2 tipi di pelle sintetica che reagiscono ai raggi solari, alla permeabilità e alla corrosività dei prodotti cosmetici. La sola idea che pezzi di pelle "vivano" senza un corpo mi fa ribrezzo, ma sono contenta per le cavie a breve disoccupate.

Ma vera la notizia del giorno è che pare che grazie a certi pasticconi "naturali" la cellulite si possa combattere davvero e dall'interno. Se tra un mese non ho un girocoscia alla Kate Moss gli faccio causa. Se muoio a causa dei pasticconi fategli causa voi, grazie.

18 April 2008

Pippa LavUra!

Sono stanchissima. Lavoro come una pazza e non ho più tempo di fare le cose che mi piacciono tipo commentare i blog dei miei (3) amici, chattare su Gtalk, fare la maglia, fare il pane, fare shopping.

Un mio amico dice: "lavori tanto e poi alla fine del mese hai solo 50 euro in banca, che senso ha?"
Io dico: "ok, ma il lavoro non solo solo i soldi"
Lui: "Ah no?"

Cosa gli devo rispondere? La verità è che mi piace, mi tiene viva, mi fa arrabbiare ma mi dà anche soddisfazione.

Secondo voi devo andare dallo psicanalista?

16 April 2008

L'alternativa al tacco

Quando Madre Natura non ti ha fatto particolarmente alta e slanciata ma tu non ti rassegni a sembrare puffetta culona, che alternative hai al tacco 10 ogni giorno?

Da quando ho cambiato lavoro, l'ambiente circostante mi impone una certa attenzione al look. Il che non vuol dire che devo venire a lavorare in tailleur, ma manco in jeans e All Star. Il problema è che a forza di portare scarpe col tacco mi fanno sempre male i piedi.

In attesa che l'estate mi autorizzi alle comode zeppe, che slaciano ma sono confortevoli come delle ciabatte, su cosa mi butto?

Aiutate i miei piedi. Vi prego.

15 April 2008

Nel male un bene


Almeno Ferrara non l'ha votato nessuno :-)

Ferrara tra delusione e ironia
"L'Italia mi ha fatto una pernacchia"

Ma cosa hanno votato gli Italiani?

Hanno votato la lega perché è contraria ai diritti dei gay o perché è contraria agli immigrati?

Bel dilemma. E "Bel Paese".

14 April 2008

Pippa e le spogliarelliste

Sabato sono stata qui ma la spogliarellista non c'era. Riproverò a maggio.

In compenso ho fatto un sacco di riprese a questo negozio deliziosamente malizioso, sono stata invitata a una serata di scoperta del proprio corpo solo per donne (e allora dov'è il divertimento?) e mi sono iscritta a un seminario di cucina.

10 April 2008

Pippa e le modelle

Stasera, non senza una certa ansia, sono stata spedita dalla mia nuova Direttora a intervistare un gruppo di balde e giovani modelle.

La mia ansia non derivava tanto dal timore di un confronto tra me e le veneri bidimensionali, bensì dal produrre qualcosa di degno della stima della mia capa (cosa che, allo stato attuale, non sono affatto certa di aver fatto, poiché le riprese hanno certamente risentito del delirium tremens da cui sono affetta... anche se mi dicono che fa molto iutiub e quindi è cool. Speriamo che la capa sia d'accordo).

Questa serata nel magico mondo della moda mi ha però insegnato alcune fondamentali cose sulla vita:

1. anche se pesi 45 kg e sei alta 1.75 HAI LA CELLULITE sul sedere come tutte le comuni mortali alte 1.65 x 60 kg. (Alé!)

2. non basta tutto l'allenamento del mondo, camminare disinvolte col tacco 12 è impossibile.

3. anche le modelle più belle sbiascicano e alla domanda: "Come ti senti?" possono rispondere: "Emozzionàda".

4. non basta vivere a cavallo tra due continenti tra sfilate e jet set per imparare l'inglese. Anche la modella più modella dice FàSCION. (O era un omaggio a Fini?)

Esco quindi da questo confronto vittoriosa e vogliosa di carboidrati, che ingollerò senza ansie cellulitiche, indossando ballerine e parlando inglese con accento trasteverino. Così per un giorno mi sentirò modella anche io.

Nella prossima puntata: Pippa e la spogliarellista. Epilogo: Pippa confessa: lavoro a un sito porno.

07 April 2008

My sister, me & wii

E' arrivata da poco tra noi, dopo che per 2 anni mia sorella l'ha desiderata ardentemente. Ora è qui, e chiunque la tocca ne resta stregato. Magicamente riceviamo visite a sorpresa da amici che latitavano da tempo, e grazie al doppio al tennis consolidiamo la nostra sorellanza. Certo... c'è sempre un margine di rischio che a breve finisca così:


Ma sarà valsa la pena rischiare!

Fonte: wii have a problem