02 January 2008

Volare è tutta una questione di Compagnia e di Classe

Ed eccomi qui, di ritorno da un viaggio stupendo nella sempre magica NY, con Ciccia in braccio, Valda sui piedi, Mini che ronfa nella valigia semi disfatta. In virtù dell'anno nuovo e della recente maratona di voli che mi sono sparata sono giunta ad alcune conclusioni sulla mia paura di volare che intendo condividere con chi, come me, pensa che se l'uovo (<-- REFUSO o lapsus?) fosse stato fatto per volare avrebbe le ali.

1. La compagnia fa la differenza
Viaggiare in aereo, incredibile a dirsi, può essere un'esperienza piacevole se a prendersi cura di me è l'Air France. La coppa di Champagne post decollo è una di quelle cose che ti mette subito nello stato d'animo giusto, ti elimina l'ansia meglio del principe Valium e ti fa affrontare il terrore delle ore a venire con una punta di allegria. Le hostess sono carine, gentili, disponibili, il cibo è ottimo, la scelta dei film stupenda, i sedili larghi anche in classe bestiame, l'aereo silenzioso.

Quando poi si confronta questa esperienza con un ritorno ad esempio in Delta, la diffenreza è schiacciane. Sedili stretti, microaerei, personale stressato, film su schemi comuni (ma io dico, ma perché esistono ancora?), una passione per le turbolenze come nessun altro. Morale, mi sono riconciliata con le pasticche e non ho chiuso occhio.

2. La classe non è aria
Nella quarta e ultima tappa di questo viaggio per motivi misteriosi sono stata upgradata in Business class. Non credo di aver mai affrontato un Parigi-Milano in migliori condizioni. Sebbene Alitalia prediliga i decrepiti MD 80, tutti lungi e stretti che sembra sempre si stiano per spezzare come un grissino, il servizio è stato cortese, cibo ottimo (incredibile a dirsi), confort totale.

3. Grosso è bello
Gli aerei ciottini mi fanno venire meno ansia di quelli lunghi e stretti. Un aereo stretto e lungo mi da meno fiducia di un jumbolino o un 737. In compenso la classe economica dei jumbo ha troppi sedili (3-5-3) e fa venire una crisi di agorafobia.

4. Meno è più
Se l'aereo non è strapieni mi rilasso più facilmente. Specialmente se non ci sono bambini nei dintorni.

5. Il posto giusto
Mai finestrino, aumenta il terrore da vertigini. Mai in fondo, il rumore dei reattori mi fa andare in risonanza il cervello. Mai dietro l'ala, nei film è dove si rompe in due l'aereo. Sì a corridoio, avanti e vicino ai bagni.

Insomma in fin dei conti, forse non è l'aereo a farmi paura, ma solo la classe turistica ;-)

8 comments:

Memole74 said...

pensa a me che ciò pure il marito tecnico areonautico (dubbio: si scrive cosi?) e di conseguenza tutti i suoi amici che fanno questo di lavoro...so chi ti mette a posto l'aereo. Ma ogni volta mi domando: è un bene o un male saperlo?
beh comunque...ben tornata, si sentiva la tua mancanza :-)

Slowfinger said...

Volare è contro natura: fa uscire di Xanax.

Alessia said...

Per il tuo prossimo viaggio:
http://www.seatguru.com/

ines said...

E' confortante scoprire di non essere l'unica a farsi prendere dall'ansia ogni volta che sale su di un aereo!

PippaW said...

Cara Alessia, SeatGuru è il sito di apertura del browser da anni ormai ;-)

Ines, siamo tanti, tantissimi! Ma solo pochi lo ammettono. Volare è contro natura! ;-P

Laura DB said...

Di sicuro se vuoi viaggiare comoda, essere servita con gentilezza, ritrovare il bagaglio al tuo ritorno (ahem, questo non lo dovevo dire ;-), evita ALITALIA (sperando che l'anno prossimo non esista più, o, quanto meno, non a spese nostre...). La mia compagnia preferita è la Royal Jordanian ma tornavo dal viaggio di nozze, non è valido (vedi il blog http://middleast.blog.dada.net). Bentornata Pippa! (riprovo, sarò più fortunata ;-)

Sammy said...

ah nani :) io invece in treno ho viaggiato per la prima volta in prima e ho deciso che gli imbecilli che ho trovato non compensano la bibita gratis :)

PippaW said...

Caro Sammy, verissimo, l'unica cosa che compensa la spesa sono i sedili comodi, il pavimento pulito e i bagni non fatiscenti. Anche se in fin dei conti forse se ne può anche fare a meno :-)