21 December 2007

Cose che avevo dimenticato di NY

-L'atmosfera calda e accogliente dei locali
-Quanto sia facile fare acquisti, avere info dai commessi, cambiare idea, essere rimborsati. Col sorriso
-Le ordinazioni iper personalizzabili prese nei ristoranti da camerieri gentilissimi e disponibili
-I tassisti neri che ti raccontano la loro vita
-Quanto è buono lo small black coffee di Moxa
-Quanto è delizioso l'oyakodon di Marumi
-Quanto sa ci cloro l'acqua
-La pelle che ti si secca per l'aria calda
-La punta dei grattacieli che si staglia sul cielo blu
-L'accento southern di Paula Deen, Hallo y'all!

Cosa non potrei mai dimenticare, come è facile sentirsi a casa qui.

1 comment:

vanz said...

*sigh*