16 September 2007

Sono viva per miracolo

Era iniziata come una serata normale. Un aperitivo tra amici, in zona Piazza Vetra. Mia sorella e il Crippa ci avevano preceduti sedendosi all'indiano, poi ci siamo sposati al più pariolo (ma meglio buffettato) Cocktail. Un giro di vino e/o birra e due chiacchiere in amicizia. Insomma, una serata normale. Per un po'.

Ad un certo punto, improvvisamente, inizio a tossire. Un lieve raspino in gola, chessò polvere, un pillucchero, un pelo di Valda rimasto nell'aria. Non passa, anzi, peggiora, tossico più forte. Mi guardo intorno un po' imbarazzata quasi a volermi scusare e noto che mia sorella tossisce di brutto anche lei, il mio sguardo si allarga, anche Puli sta tossendo, il Crippa è paonazzo. Mi giro, i nostri vicini di tavolo hanno le lacrime agli occhi, i rasta di fronte a noi si sono volatilizzati, il gruppetto di pariozecche alla nostra sinistra scappa tossendo e piangendo.

In poco meno di tre minuti, Loly è scomparsa in bagno, i tavolini del Cocktail sono tutti vuoti, ci ritroviamo alla spicciolata verso corso di porta ticinese, qualcuno tossisce ancora, alcuni si sono piazzati al bar accanto, i più sono attoniti. Ci riconosciamo dalle lacrime e dal raspino che ancora brucia in gola, e ci chiediamo: che è successo?

Attentato contro i bon viveurs? Tattica radicale per liberare i tavoli occupati da troppo tempo? Nube tossica? Fuga di Gas? Nessuno lo sa, ma inizia a serpeggiare il sospetto che l'indomani potremmo non svegliarci più. Loly ne è convinta ed esclama gaudente: è stato bello passare l'ultima sera di vita con voi. Io mando sms intercontinentali contenenti addio strappacuore. Poi penso: ma se moriamo stanotte chi baderà alle micie e a Valda? Allora mando altri sms per accertarmi che qualcuno venga a recuperarle in caso di decesso multiplo.


Tossendo e con tragiche fitte al petto ci dirigiamo verso la civiltà, qualcuno paventa l'idea di un giapponese, se dobbiamo morire meglio farlo a panza piena. Ma io ho le vesciche e non riusciamo ad andare molto lontano. Quindi ci fermiamo a quello che due mesi fa è stato chiuso dall'ufficio d'igiene. Noncuranti del pericolo - tanto siamo intossicati e moriremo comunque - ordiniamo pesce crudo (probabilmente avariato) io e Loly beviamo vino e ripensiamo alla vita e alle pele e poi decidiamo di andare tutti ad un festino. Meglio morire con stile facendo onore al nome di famiglia. Tre ore dopo siamo così ubriachi che ci siamo dimenticati del gas e caracollando a letto non dico neanche addio a Puli che mi sviene a fianco.

Probabilmente non sapremo mai cos'è stato. Se è stato il cino-giapponese rancido ad annullarne gli effetti mortiferi del gas o se moriremo per un'infezione polmonare tra 5 anni tutti insieme inspiegabilmente. In ogni caso, è stato un vero piacere conoscervi.

16 comments:

Slowfinger said...

tinyurl.com/yvyru4

PippaW said...

Slow... HAHAHHHAHAHHAHAHAH ;-) Stai suggerendo una soluzione???

Margot Mood said...

Meno male che la piccola Valda non è venuta con noi.. almeno potrà vivere con le cugine nere e litigare per chi si mangerà l'ultima nostra coscia una volta morte. Praticamente un abbacchio, sai che festa!

PippaW said...

Ahahah si beh con le mie 2 cosce ci possono andare avanti per 2 mesi, poi spero che qualcuno le trovi e le soccorra!! Povere pele, anche se finalmente regine della casa :-)

Zonda said...

Io ti risponderei anche. Ma poi questo messaggio chi lo legge?

gap said...

però, bella questa festa al metanodotto..
;)

Sammy said...

Urca... e non sai cos'era? Ah ma forse eri troppo vicino a piazza vetra!!! Vedi che ha ragione Decorato ! :D


ps: no impossibile, sarebbe contro natura che avesse ragione

Zonda said...

oh! Sei viva?

PippaW said...

Sono ancora in vita, ma potrei avere i minuti, o forse i giorni, o magari gli anni contati.

Ma il metano -oltre a darci una mano - uccide???? Lo sapevo che era meglio il riscaldamento a carbone...

Zonda said...

Giorni con Tati

Gatto Nero said...

Ennò Pippa, non mi puoi mica morire PRIMA che io ti venga a trovare a Milano.
Quantomeno moriamo assieme, moglie mia.

PippaW said...

Gattone mio è vero, non posso morire prima del ricevimento, della torta di panna e cioccolato e soprattutto prima di vederci entrambi vestiti di pizzo bianco all'altare! Giammai! :-D

daniela_elle said...

cribbio pippaw!!!! e non sono ancora riuscita a mandarti le foto delel scarpe e vederti !!! maronna

Anonymous said...

Ma che cazzata è??? Se stavate così male e tutti attorno a voi stavano male e fuggivano, non avete pensato di rivolgervi ad un pronto soccorso e poi chiedere informazioni al gestore del locale? Invece di sparare certe minchiate pensate a cose serie che è meglio!

PippaW said...

hey Anonimo, buongiorno! A 3 anni di distanza grazie per il consiglio ;)

Anonymous said...

meglio tardi che mai ed ovviamente vedo che non hai risposte da dare.
Se tanto mi da tanto.

Saluti