12 July 2007

A Roma, pancia mia fatti capanna - update

A 5 giorni dal mio arrivo a Roma il bilancio culinario è il seguente:

Pezzi di pizza al taglio: 18
Pizze tonde: 2
Pizza bianca: 4
Supplì: 4
Bruschette: 0.5
Grattachecche: 0

Kg presi sui fianchi: 1.3

Still counting...

8 comments:

Zonda said...

Quel verme non deve essere cosi' solitario...

Justine said...

Magari ci fosse, potrei mangiare MOLTI più supplì senza pensare alla prova costume (che mi sa che per quest'anno è saltata.. va')

Zonda said...

Scostumata

Peppi said...

minchia! ma sei una cloaca?!?!?!?!

Giusva said...

Porca miseria!

Justine said...

Ecchessarà mai, meno di 2 pezzetti di pizza a pasto? Aho la pizza al taglio buona c'è *solo* a Roma, devo fare scorte (di adipe) ;-)

Zonda said...

Roma mi fa "impizzire" perche' ad ogni angolo ciascuno ha il suo concetto personale di cosa sia e come si mangi una pizza napoletana...

Justine said...

Zonda, a Roma si mangia la pizza romana, ossia fina fina sottile sottile e croccante, completamente diversa da quella napoletana che è bella ciccia. I migliori posti sono quattro: Pizzeria La Montecarlo a cso Vittorio, Pizzeria La Formula Uno a S. Lorenzo, Pizzeria L'Obitorio (invero si chiama "Ai Marmi") a Trastevere e infine Pizzeria Da Remo a Testaccio.

BASTA.

Cmq, la pizza al taglio è un'altra cosa. Un mondo a parte fatto di piacere croccante e sugoso.